Logo Regione Autonoma della Sardegna
PROMOZIONE DEL CINEMA IN SARDEGNA

Archeologia industriale

La gran parte delle testimonianze dei processi produttivi oggetto di studio dell'archeologia industriale presenti in Sardegna è costituita dai luoghi legati all'attività estrattiva mineraria. Importanti, sia dal punto di vista storico che artistico, gli edifici-simbolo delle miniere: sedi delle direzioni, ospedali, scuole, chiese, dopolavoro, concentrati in uno spazio unitario, realizzati in stili diversi secondo i differenti periodi di fabbricazione. In alcuni casi l’attiva dell'industria mineraria è andata avanti fino al 1991.
Cerca la location





Elenco location
Quartu Sant'Elena, Fornaci MaxiaFornaci Maxia, Quartu Sant’Elena
Le fornaci Maxia occupano una vasta area in via Brigata Sassari lungo il canale ormai interrato del rio Mannu e oggi raggiunta dall'espansione urbana. La tradizionale attività edilizia di Quartu Sant'Elena giustifica la presenza di opifici destinati alla produzione di laterizi.
Sassari, Miniera dell'ArgentieraMiniera dell’Argentiera, Sassari
La miniera, visitata nel 1838 dallo scrittore Honoré de Balzac, fu rilevata a metà Ottocento da una società belga, alla quale subentrò la Società di Corr'e boi, che la dismise nel 1963. I tre nuclei principali - Miniera Vecchia, Plata e Argentiera - sono vicini al mare. La borgata è costituita da piccole case a livello stradale.
Guspini, Miniere di MontevecchioMiniere di Montevecchio, Guspini
Il villaggio minerario di Montevecchio occupa una vasta area che comprende edifici abitativi e dirigenziali, impianti, discariche e zone boschive. Gli impianti minerari si suddividono nei settori di Levante e di Ponente separati dal passo di Gennaserapis, nel quale è situato il nucleo centrale dell'abitato.
Ingurtosu, laveria BrasseyMiniera di Ingurtosu, Arbus
Nei dintorni del borgo minerario abbandonato di Ingurtosu, costruito dalla società francese Pertusola, ex proprietaria delle miniere, c’è la Laveria Brassey, posizionata nella parte bassa dell’insediamento minerario. Le case, la chiesa e la palazzina della direzione del borgo sono circondate dal verde.
Iglesias, Miniera di Masua e Porto FlaviaMiniera di Masua e Porto Flavia, Iglesias
Pochi chilometri dopo Nebida, sulla SP 83, si trova l'antico villaggio minerario di Masua, un tempo destinato ad ospitare i lavoratori impiegati nella miniera omonima. La zona è ricca di motivi di interesse legati all'archeologia mineraria, alle peculiarità naturalistiche e geologiche, a spiagge e calette.
Iglesias, miniera di San GiovanniMiniera di San Giovanni, Iglesias
Adagiata ai piedi di una collina poco fuori Iglesias, si trova la località di San Giovanni, che dal 1865 ospita un'importante miniera aperta dall'ingegnere ungherese Keller. La struttura, già due anni dopo l'apertura, fu venduta ad una piccola società inglese, che a sua volta la rivendette.
Carbonia Mineieradi SerbariuMiniera di Serbariu, Carbonia
Serbariu è oggi una frazione di Carbonia, ma nacque nel corso del XVIII e XIX secolo dall'unione di numerosi insediamenti rurali sparsi (furriadroxius), finché nel 1853 fu elevato alla dignità di comune. Solo con la fondazione di Carbonia, nel 1938, il suo territorio, 3000 abitanti fu completamente inglobato.