Logo Regione Autonoma della Sardegna
PROMOZIONE DEL CINEMA IN SARDEGNA

Edifici

Gli stili architettonici degli edifici sardi si possono suddividere in: Prenuragico, Nuragico, Fenicio-punico, Romano, Altomedievale, Giudicale, Sardo-ispanico, Sardo-piemontese, Postunitario e Contemporaneo. Significative le Chiese, sia urbane che campestri. Imponenti e solitarie le torri costiere. Nel periodo Postunitario si realizzano edifici industriali, successivamente edifici razionalisti, Liberty e Déco. Dal dopoguerra una nuova architettura, basata sul cemento armato.
Cerca la location





Elenco location
Siddi, Chiesa S. Michele ArcangeloChiesa di San Michele Arcangelo, Siddi
La chiesa si trova su una piccola collina in zona Santu Miali alla periferia del paese di Siddi, poco distante dalla parrocchiale dedicata alla Visitazione di Maria Vergine. L'edificio romanico fu eretto nella seconda metà del XIII secolo.
Ha due navate, divise da pilastri a sezione ottagonale, e un'unica abside.
Perdasdefogu, chiesa di San Sebastiano: particolareChiesa di San Sebastiano, Perdasdefogu
La chiesa preromanica di San Sebastiano è stata costruita poco prima dell’anno 1000. L'interno presenta alcuni aspetti di epoca aragonese, come le navate centrali, in origine due poi portate a tre intorno al 1600. Sono ancora ben visibili alcuni affreschi, tra questi una croce greco-bizantina ed il monogramma di Costantino.
Sedilo, chiesa di Santu AntineChiesa di Santu Antine, Sedilo
Il santuario si trova di fronte al lago Omodeo, in un anfiteatro naturale cinto da mura chiamate dalla gente del posto "sa corte de Santu Antine". Si accede attraverso due archi, uno dei quali costruito nel XVII secolo in pietra vulcanica rossastra, chiamato "su portale de ferru".
Il Mulino, OlzaiIl Mulino, Olzai
Il mulino ad acqua, chiamato "Su Mulinu Vezzu", si trova nella parte alta del paese, particolarmente suggestiva per la folta vegetazione. È strettamente legato all'economia di un tempo, quando il paese era tra i più attivi dell'isola quanto a produzione del grano e lavorazione dei suoi derivati.
Olbia, MunicipioMunicipio, Olbia
Il Municipio è in realtà la riutilizzazione di una villa progettata dall'ingegnere Bruno Cipelli per la famiglia Colonna. Realizzato intorno al 1932, l'edificio ha una pianta rettangolare che sul lato breve presenta un ingresso sovrastato da un balcone cinto da balaustra sul quale si apre una porta-finestra con due archi.
Alghero Fertilia, Scuola elementareScuola elementare di Fertilia, Alghero
L'edificio della scuola elementare, costruito tra il 1935 e il 1936, anno della inaugurazione del nuovo insediamento, richiama precise esperienze architettoniche internazionali e ricorre all'uso di volumi con linee curve e a finestre a nastro con fasce di mattoni alternate a fasce di intonaco.