Logo Regione Autonoma della Sardegna
PROMOZIONE DEL CINEMA IN SARDEGNA

La Sardegna film commission

La Sardegna film commission nasce con lo scopo di incoraggiare e sostenere la produzione cinematografica e audiovisiva, promuovere il territorio regionale e offrire nuove opportunità alle professionalità presenti nell'isola.
Lo sportello della Regione Sardegna contribuisce al rilascio di autorizzazioni e offre servizi, sempre gratuiti, di assistenza a chi viene a girare nell'isola, fornendo informazioni di carattere tecnico, logistico, burocratico e supporto nelle diverse fasi di sviluppo del progetto di produzione anche mediante l’uso di banche dati.
E’ attualmente un ufficio dell’Assessorato Regionale della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport che agisce come punto di collegamento con le risorse professionali, tecniche e artistiche della Regione attraverso la collaborazione con soggetti pubblici e privati (Enti Locali, associazioni imprenditoriali e di categoria).

Perché girare in Sardegna
La Sardegna è un’isola al centro del Mediterraneo, con una grande varietà di ambientazioni naturali: spiagge lunghissime e bianche, falesie rocciose a strapiombo sul mare, dune di sabbia sconfinate, piccole baie dai colori verdi e azzurri, spazi incontaminati per duemila chilometri di costa, aspri paesaggi montuosi immersi nei colori e nei profumi intensi della macchia mediterranea.
Ma l’isola è nota anche per le numerose testimonianze storiche di antiche civiltà - le domus de janas, le “allées couvertes”, i circoli megalitici, i dolmen e i menhir, i nuraghi e le tombe di giganti - e vasti insediamenti di archeologia mineraria e industriale. Una terra che per le sue caratteristiche geologiche ha conservato pressoché intatti i monumenti di ogni epoca storica.
In Sardegna sono ancora vitali antiche tradizioni ormai perdute in altre aree del Mediterraneo, sopravvivono feste, solenni riti religiosi, sagre che rendono l’isola una terra affascinante e misteriosa. Con il suo clima mite e temperato, l’intera regione costituisce una sorta di studio cinematografico all’aperto di 24.000 chilometri quadrati utilizzabile 365 giorni l’anno.